KodakOne, una piattaforma di gestione e protezione dei diritti basata su blockchain per i fotografi, è costretta a sviluppare appalti per oltre $ 100.000.
KodakOne è stata accusata da un gruppo di contraenti di rifiutarsi di effettuare pagamenti delle loro spese di contrattazione dovute. In una e-mail inviata dallo studio legale britannico London Law Practice per volere degli appaltatori, i professionisti vogliono che la blockchain startup effettui pagamenti per fatture in sospeso come concordato nelle loro condizioni di impiego.

La popolarità di KodakOne raggiunse il culmine dopo che la piattaforma annunciò che stava rilasciando una ICO criptovaluta come mezzo per raccogliere fondi per i diritti di proprietà intellettuale e la piattaforma di distribuzione fotografica. KodakOne ha anche annunciato di aver pianificato di rilasciare KodakCoin, il suo criptovaluta token nativo. Dopo l’annuncio, le azioni di Kodak sono aumentate di oltre il 200% nella Borsa di New York, ma da allora sono crollate significativamente.
KodakOne rischia KodakOne fornisce gestione e protezione dei diritti dei fotografi grazie alla blockchain, ma a causa di mancati pagamenti ha dovuto fare appalti per oltre $100.000.

Altri sviluppi e partnership di KodakOne

Nel mese di settembre, Global Blockchain, investitore principale di KodakOne, ha annunciato che la piattaforma collaborerà con Lobster, un’intelligenza artificiale e una piattaforma basata sull’apprendimento automatico che consente ai fotografi e agli utenti di piattaforme di social media di monetizzare le proprie immagini e video.

Anche il mese scorso è stato lanciato il portale post-licenze di KodakOne (PLP), in una mossa che ha introdotto il PLP come primo pilastro di servizi nella piattaforma KodakOne. Sostenevano di essere in grado di gestire 1 miliardo di immagini in un secondo e di poter far fronte ai potenziali trasgressori con un modo semplice di accedere retroattivamente ai diritti di utilizzo delle immagini ed evitare problemi legali o di licenza.